I valori della Magistratura e il valore della Giustizia: prospettive di riforme efficaci e condivise

human-rights-1294855_640

ROMA  25 SETTEMBRE 2016

Sala conferenze “Hotel Savoy”

Via Ludovisi n. 15

“I valori della Magistratura e il valore della Giustizia: prospettive di riforme efficaci e condivise”


Cari colleghi,

domenica 25 settembre a Roma presso la sala conferenze dell’Hotel Savoy si è tenuto il convegno organizzato da Autonomia&Indipendenza “I valori della Magistratura e il valore della Giustizia: prospettive di riforme efficaci e condivise”Siamo particolarmente contenti e soddisfatti dell’eccezionale partecipazione di pubblico (per tutta la durata dei lavori), evidentemente indice della qualità dei relatori scelti e dell’importanza dei temi trattati.  Nel corso del convegno sono state illustrate le proposte di riforma dei settori civile e penale nonché della legge elettorale CSM elaborate dai rispettivi gruppi di lavoro di A&I. Ai colleghi coordinatori e ai collaboratori dei tre gruppi di lavoro va il nostro ringraziamento per l’impegno profuso e per l’esaustività dei documenti elaborati (disponibili sul sito internet www.autonomiaeindipendenza.it).

La collega Fabiana Rapino ha presentato il documento di critica sulla questione della legittimazione quadriennale elaborato insieme ad altri giovani magistrati e inviato in lista i giorni scorsi.

La tavola rotonda, a cui hanno partecipato il Ministro della Giustizia on. Orlando, il Vice Presidente del CSM on. Legnini, l’ex Vice Presidente del CSM on. Vietti, il Presidente dell’ANM Davigo e il Consigliere del CSM Aldo Morgigni, ha consentito un confronto diretto con i rappresentanti delle Istituzioni sulle principali questioni che interessano il funzionamento del sistema giudiziario, e in particolare le problematiche dei carichi di lavoro, dell’inadeguatezza strutturale degli Uffici, delle carenze di organico dei magistrati e del personale amministrativo, dell’inutilità delle più recenti riforme dello status giuridico-economico dei magistrati, tra cui da ultimo l’innalzamento del termine di legittimazione per il trasferimento, che finisce per colpire soprattutto i magistrati più giovani. 

Su tale ultimo punto, alle risposte di chiusura del Ministro Orlando, ha replicato prontamente il Presidente Davigo, sottolineando l’ingiustizia ed inutilità dell’incremento del termine di legittimazione. E’ evidente che la questione dovrà essere seguita con la massima attenzione da parte dell’ANM e la riunione del CDC dell’1 ottobre 2016 sarà l’occasione per decidere le più opportune iniziative e forme di protesta.

Nel corso del convegno è stato altresì affrontato il tema fondamentale della questione morale nella magistratura associata, con importanti riflessioni sul ruolo delle correnti e sul delicato rapporto tra politica e magistratura.

Riteniamo che il convegno abbia rappresentato pienamente lo spirito di Autonomia&Indipendenza, fondato sulla necessità di guardare avanti e di fornire non solo un’articolata analisi dei problemi ma anche, e soprattutto, proposte di riforma della Giustizia e dell’associazionismo concrete e costruttive, come dimostrano le numerose iniziative intraprese dal nostro gruppo nel suo primo anno e mezzo di vita. Le occasioni di confronto ci rinforzano nella convinzione che le prospettive future non possono prescindere dal riconoscimento di principi e valori condivisi da tutti i magistrati che svolgono le loro funzioni con “disciplina e onore” superando le numerose difficoltà che quotidianamente sono costretti ad affrontare.

Sul nostro sito https://www.autonomiaeindipendenza.it  vi è la trascrizione integrale audio-video del convegno; il link dell’intervento del Presidente Davigo è il seguente: https://www.radioradicale.it/scheda/486837?i=3610323

Il Gruppo di Coordinamento di Autonomia&Indipendenza 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi